Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

Informativa sulla privacy

Il CRA con la rete GARR per affrontare le sfide dell'era digitale

Scritto da Ida Marandola Il . Inserito in caffè scientifico . Visite: 3661

Il CRA con la rete GARR per affrontare le sfide dell'era digitale

La storia recente del CRA è stata caratterizzata dalla crescente consapevolezza che le ICT potessero giocare un ruolo fondamentale nell’armonizzazione dei processi operativi, divenuti sempre più complessi e diffusi geograficamente.

Per questa ragione il CRA si è dotato di un’infrastruttura di trasporto dati che interconnette ormai oltre 80 LAN distribuite su tutto il territorio nazionale. Inoltre ha anche attivato un Data Centre dove sono state accentrate tutte le risorse di calcolo e storage. Ciò ha comportato una drammatica semplificazione di tutti i processi per la gestione dell’ICT che si è tradotta nel miglioramento tangibile dei sistemi informativi a supporto dei processi operativi dell’Ente.

Ida Marandola
Ida Marandola
CRA, Consiglio per la ricerca e sperimentazione in agricoltura
Direttore
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tuttavia, l’innovazione fin qui introdotta non appare più sufficiente a supportare adeguatamente lo sviluppo delle attività di ricerca e sperimentazione del CRA. Nell’Era Digitale, ovvero in un contesto globalizzato in cui la pervasività delle ICT si manifesta in ogni campo dell’attività umana, il comparto della ricerca è stato il primo a cambiare volto. La transnazionalità delle attività e la produzione di dati sono elementi imprescindibili della ricerca e della sperimentazione contemporanee. Creare comunità scientifiche sostenute dagli strumenti della comunicazione digitale, e collezionare, trattare e pubblicare i dati scientifici sul Web è prassi.

CAR - Consiglio per la ricerca e sperimentazione in agricoltura Il CRA è un ente di ricerca vigilato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, istituito con il D.L.vo 454/99 per raccogliere e razionalizzare le esperienze di 28 storiche strutture di ricerca e sperimentazione agraria che operavano in oltre 54 sedi distribuite in tutto il territorio nazionale. Oggi il CRA è il quarto ente di ricerca italiano. Una realtà complessa, composta da 15 Centri e 32 Unità di Ricerca in cui operano stabilmente oltre 1400 addetti di cui 2/3 ricercatori e tecnologi, e da aziende sperimentali che gestiscono più di 5300 ettari di terreno agricolo e forestale. Un organismo diffuso sul territorio italiano che conta ormai più di 80 sedi pienamente operative.

Puntando su una visione del futuro in cui l’attività di ricerca e sperimentazione saranno supportate dalle ICT molto più che in passato, il CRA ha varato un piano d’innovazione tecnologica che mira all’acquisizione degli strumenti più adatti a governare i nuovi scenari tecnologici dell’Era Digitale. Per dar corso a questo processo d’innovazione, il CRA ha deciso di aderire alla rete GARR. Una rete a larghissima banda che è stata immaginata, progettata e realizzata proprio per supportare l’attività accademica e della Ricerca. Una rete naturalmente interconnessa a tutte le altre reti della ricerca mondiali.

Ma per il CRA, aderire a GARR non significa semplicemente disporre di maggiore banda Internet o avere la possibilità di trasferire in tempi rapidi “big dataset”, significa principalmente poter disporre di servizi disegnati appositamente per il proprio comparto. Significa sentirsi all’interno di una comunità scientifica internazionale con cui condividere un modello di ICT finalizzato alla soddisfazione di bisogni comuni. Significa mettere a fattor comune le conoscenze ICT per affrontare con fiducia le sfide dell’Era Digitale.

In questa prospettiva, per il CRA assumono rilevanza decisiva servizi GARR come Big Data Storage che permette di immaginare, progettare e implementare sistemi DFS per il trattamento multi-node di Big Data. Oppure servizi come IDEM che permette ai ricercatori di accedere con lo stesso account a tutte le risorse, sia della propria organizzazione che quelle di terzi. O ancora servizi come eduroam che permette ai ricercatori in missione di accedere con lo stesso account alle reti Wi-Fi di gran parte dei siti accademici e della ricerca mondiali.

L’adesione a GARR rappresenta quindi per il CRA non solamente un passo infrastrutturale indispensabile, ma anche un modo per entrare a pieno titolo nella grande e prestigiosa comunità ICT della Ricerca italiana ed internazionale, con lo scopo di offrire ai propri ricercatori visioni e soluzioni adeguate, per una Ricerca e sperimentazione in agricoltura italiana sempre più competitive e all’avanguardia.

Per maggiori informazioni: http://www.entecra.it

 

Big Data in agricoltura: collegamenti a 100 Giga negli Stati Uniti

Internet 2Lo scorso 3 dicembre, il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, conosciuto come U.S. Department of Agricultures (USDA) Agricultural Research Service (ARS), si è collegato alla rete della ricerca statunitense Internet2. Sei dei maggiori centri di ricerca in agricoltura verranno collegati ad una velocità che va tra i 10 e i 100 Gigabit per secondo con l’obiettivo di supportare l’analisi, la condivisione e lo storage dei dati nella sicurezza alimentare, nutrizione, genomica, sostenibilità ambientale e produzione agricola, a sostegno dello sforzo di modernizzazione nell’ambito del calcolo e dello storage dei big data intrapreso dai centri di ricerca. In ARS lavorano più di 2.100 ricercatori che lavorano in 800 progetti di ricerca in 90 strutture. La rete in fibra ottica di Internet2 collegherà i centri di ricerca USDA-ARS con università, partners di ricerca locali e globali e risorse di calcolo. Poiché l’ammontare di dati scientifici analizzati e gestiti da USDA continuerà a crescere, Intenet2 metterà a disposizione un’infrastruttura flessibile, scalare e altamente affidabile che possa nel tempo essere a supporto delle esigenze sempre più evolute della ricerca scientifica in agricoltura.
http://www.internet2.edu/

 

GARR News - Testata semestrale registrata al Tribunale di Roma: n. 243/2009 del 21 luglio 2009

Il contenuto di questo sito e' rilasciato, tranne dove altrimenti indicato,
secondo i termini della licenza Creative Commons attribuzione - Non commerciale Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

GARR News è edito da Consortium GARR, La rete Italiana dell'Università e della Ricerca


GARR News n°11 - Dicembre 2014 - Tiratura: 10.000 copie - Chiuso in redazione: 19 Dicembre 2014
Redazione GARR News
Hanno collaborato a questo numero: Claudio Barchesi, Maria Ludovica Bitonti, Giorgio Bontempi, Fulvio Casale, Marco Ferrazzoli, Mara Gualandi, Alessandro Inzerilli, Giovanni L'Abate, Silvia Mattoni, Elisabetta Pasta, Roberto Reali, Lisa Reggiani, Francesca Scianitti, Luca Severini, Luciana Trufelli, Antonella Varaschin, il team italiano di BELLEII.


 

Abbiamo 128 visitatori e nessun utente online