Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

Informativa sulla privacy

L’impatto ambientale dell’ICT

Scritto da Redazione Il . Inserito in caffè scientifico . Visite: 4062

L’impatto ambientale dell’ICT

Le tecnologie informatiche rispetto ai temi dell’energia e della sostenibilità ambientale possono essere valutate da un duplice punto di vista: da una parte sono uno strumento indispensabile per operare soluzioni innovative come quelle in corso nei vari progetti di smart city, dall’altra rappresentano sempre di più uno dei fattori di maggior consumo energetico.

Dunque da una parte l’ICT come soluzione (ICT for Green), dall’altra come problema per il quale occorre mettere in campo azioni di risparmio energetico (Green ICT).
Secondo uno studio indipendente condotto per la Global e-Sustainability Initiative (GeSI), le stime dell’incidenza dell’ICT sull’ambiente sono in crescita negli ultimi anni: le emissioni di CO2 passeranno dall’1,3% del totale del 2002 al 2,3% nel 2020. C’è da dire, tuttavia, che lo stesso rapporto indica che la percentuale di abbattimento delle emissioni che l’ICT potrebbe favorire è del 16,5%, quindi circa 7 volte maggiore dell’impatto che il settore ha sull’ambiente.

Il rapporto GeSI SMARTer 2020 indica anche all’interno del settore ICT quali siano le voci che incidono maggiormente sulle emissioni di CO2: dispositivi elettronici in primo luogo (pc, laptop, smartphone,…), reti informatiche e, in forte crescita, i data center. La consapevolezza di quanto i data center incidano in termini di costo, sia economico che ambientale, ha spinto enti di ricerca e università ad avviare comportamenti e modelli virtuosi per aumentare l’efficienza e il risparmio energetico anche utilizzando soluzioni di virtualizzazione e cloud.

L’impatto ambientale dell’ICT
Il grafico mostra il potenziale dell’ICT come strumento abilitante per soluzioni in grado di ridurre le emissioni di gas serra. Rispetto alle emissioni che l’intera industria ICT produce, il contributo per il risparmio energetico è di circa 7 volte più ampio.

GeSI SMARTer 2020 “The Role of ICT in Driving a Sustainable Future” è il report condotto a fine 2012 dalla società di consulenza Boston Consulting Group per la Global e-Sustainability Initiative, l'organizzazione che comprende i principali player del settore delle telecomunicazioni.

Per maggiori informazioni: http://www.gesi.org/SMARTer2020

GARR News - Testata semestrale registrata al Tribunale di Roma: n. 243/2009 del 21 luglio 2009

Il contenuto di questo sito e' rilasciato, tranne dove altrimenti indicato,
secondo i termini della licenza Creative Commons attribuzione - Non commerciale Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

GARR News è edito da Consortium GARR, La rete Italiana dell'Università e della Ricerca


GARR News n°9 - Novembre 2013 - Tiratura: 7000 copie - Chiuso in redazione: 6 Dicembre 2013
Redazione GARR News
Hanno collaborato a questo numero: Alessandro Andretto, Claudio Barchesi, Maria Ludovica Bitonti, Mauro Campanella, Massimo Del Sarto, Fulvio Galeazzi, Mara Gualandi, Maria Laura Mantovani, Mario Santamaria, Laura Santoro, Francesca Scianitti


 

Abbiamo 268 visitatori e nessun utente online