Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

Informativa sulla privacy

CINECA: è italiano il supercomputer più green

Scritto da Redazione Il . Inserito in caffè scientifico . Visite: 6327

CINECA: è italiano il supercomputer più green

Capace di coniugare alte prestazioni e risparmio energetico, il supercomputer Eurora installato al Cineca e co-disegnato in collaborazione con l’italiana Eurotech, è in cima alla prestigiosa classifica internazionale Green 500, pubblicata nel giugno 2013, che misura i supercomputer valutando la loro efficienza e il loro impatto ambientale.

Il “sistema prototipo” è stato realizzato nell’ambito dell’iniziativa PRACE 2IP volta a fornire infrastrutture di alta qualità e sostenibili per soddisfare le esigenze della comunità europea di utenti HPC. E la sostenibilità è uno degli obiettivi di questa sperimentazione: porre le basi per realizzare l’architettura tecnologica del futuro, e raggiungere entro il 2018 la classe Exascale, un miliardo di miliardi di operazioni al secondo, con consumi sostenibili.

L’obiettivo “sostenibilità” del progetto (finanziato da Cineca, PRACE e l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale di Trieste) è stato raggiunto, assicurando ridotti costi di gestione con minore emissioni di CO2. Le prestazioni di Eurora migliorano del 26% quelle del sistema al vertice della più recente Green500 list, la classifica mondiale dei supercomputer più efficienti al mondo. Grazie al sistema di raffreddamento diretto ad acqua calda per tutti i componenti elettrici ed elettronici del sistema HPC, è possibile potenzialmente ridurre le bollette energetiche dei data center fino al 50% e ridurre il costo totale di proprietà del 30-50%. Inoltre, l’utilizzo della tecnologia Aurora Hot Water Cooling riduce o elimina la necessità di condizionamento in climi tipicamente caldi come quello italiano.

L’energia termica prodotta dal sistema, infatti, può essere utilizzato per il riscaldamento di edifici, per il condizionamento o per la tri-generazione, la produzione combinata di elettricità, riscaldamento e raffreddamento. A disposizione dei membri di PRACE (Partnership for Advanced Computing in Europe) e dei principali enti di ricerca italiani, Eurora permetterà agli scienziati di condurre i loro studi più rapidamente e arrivare a nuove scoperte in un ampio raggio di discipline, tra cui la scienza dei materiali, l’astrofisica, le scienze della vita e le scienze della Terra.

Per maggiori informazioni: http://www.cineca.it

GARR News - Testata semestrale registrata al Tribunale di Roma: n. 243/2009 del 21 luglio 2009

Il contenuto di questo sito e' rilasciato, tranne dove altrimenti indicato,
secondo i termini della licenza Creative Commons attribuzione - Non commerciale Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

GARR News è edito da Consortium GARR, La rete Italiana dell'Università e della Ricerca


GARR News n°9 - Novembre 2013 - Tiratura: 7000 copie - Chiuso in redazione: 6 Dicembre 2013
Redazione GARR News
Hanno collaborato a questo numero: Alessandro Andretto, Claudio Barchesi, Maria Ludovica Bitonti, Mauro Campanella, Massimo Del Sarto, Fulvio Galeazzi, Mara Gualandi, Maria Laura Mantovani, Mario Santamaria, Laura Santoro, Francesca Scianitti


 

Abbiamo 44 visitatori e nessun utente online