Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

Informativa sulla privacy

Gli studenti delle isole croate “navigano” sulla rete della ricerca

Scritto da Redazione Il . Inserito in internazionale . Visite: 3891

Gli studenti delle isole croate “navigano” sulla rete della ricerca

“Net in School” è un progetto del ministero della Scienza, dell’Istruzione e dello Sport, finanziato attraverso una donazione di T-Com, principale operatore croato e realizzato dalla locale Rete della Ricerca e dell’Istruzione CARNET, che dal 2003 assicura gratuitamente connettività e servizi di rete a scuole primarie e secondarie nel paese.

Nel 2006, questo progetto è stato completato dal progetto “E-Islands”, che ha dato una risposta ICT a un problema tutto croato: il Paese ha un gran numero di isole, alcune delle quali molto piccole e scarsamente abitate. Questo ha con effetti molto seri sulla scolarizzazione dei bambini e ragazzi che ci vivono: con ben pochi insegnanti disposti a lavorare sulle isole, i ragazzi sono spesso costretti a spostarsi per frequentare le lezioni. Che si muovano insegnanti o studenti, si tratta di una faccenda scomoda e dispendiosa, e anche molto complicata: durante la cattiva stagione, è difficile mantenere un collegamento frequente con la terra ferma, specie con condizioni meteo avverse.

Così, per risolvere questi disagi e offrire ai ragazzi un’istruzione di qualità, contribuendo nello stesso tempo a contrastare lo spopolamento delle isole, si è pensato di utilizzare la rete per portare risorse quali l’e-learning. La prima fase del progetto è stata la connessione delle scuole selezionate sulla terraferma con quelle remote sulle isole attraverso ponti radio e dotarle di apparati di videoconferenza H323, smartboard e altri strumenti per abilitare un’interazione avanzata e bidirezionale. Il prodotto finale del progetto è stato realizzare “smart classroom” che rendessero possibile il distant learning e il remote teaching in ciascuna delle 21 isole selezionate per la prima fase ed interconnetterle attraverso un sistema di multivideoconferenza. Finanziato dal Ministero dell’Istruzione e dalle Agenzie di Stato per l’Agenda Digitale e per le telecomunicazioni, E-Islands si è aggiudicata nel 2008 il Cisco Networkers Innovation Award. - www.carnet.hr