Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

Informativa sulla privacy

Innoviamo insieme!

Scritto da Diana Cresti Il . Inserito in internazionale . Visite: 4866

Innoviamo insieme!

Successo della ricerca italiana nella Open Call del progetto GN3plus: sono ben sette i progetti vincitori con partner italiani

Una novità di spicco in GN3plus è la Open Call, uno strumento di finanziamento gestito dalla partnership delle NREN, in cui il 50% del budget delle attività di ricerca del progetto viene dedicata alla selezione aperta di progetti di ricerca innovativi nel campo ICT. I vincitori entreranno a far parte di GN3plus come nuovi partner.

Il bando, indetto ad aprile di quest’anno e conclusosi a settembre, ha raccolto 70 proposte. Sui 21 progetti approvati, per un totale di 3,5 milioni di euro di cofinanziamento, 7 hanno partner italiani e 4 di questi (DREAMER, ARES, COFFEE, REACTION) sono ideati e coordinati da gruppi italiani.

Dreamer Stefano Salsano - progetto DREAMER
CNIT - Università di Roma

Riteniamo sia molto importante questo approccio, perché una delle promesse di SDN è proprio quella di fornire delle architetture aperte in cui è possibile nella maniera più semplice implementare nuovi servizi, senza dover necessariamente aspettare che i fornitori degli apparati introducano nuove funzionalità. Quindi fornire maggiore libertà a chi opera una rete di poter introdurre innovazione a costi più bassi

Stefano Salsano Guarda L'intervistaStefano Salsano

I progetti, della durata di circa 14 mesi, sino alla fine del progetto GN3plus a marzo 2015, si articolano lungo le tematiche dell’autenticazione e l’autorizzazione, le architetture di rete e le tecnologie di fibra ottica, il Software Defined Networking (SDN) e, infine, i nuovi applicativi.

I campi di applicazione spaziano dalla genomica, alla trasmissione dati, alle arti musicali, uniti dalle tecnologie della comunicazione e dell’informazione. “Siamo molto contenti che la partecipazione italiana ai progetti europei finanziati da GÉANT sia stata così di successo” afferma Mauro Campanella Mauro Campanella, responsabile dei progetti internazionali del GARR e membro dell’Executive Committee di GÉANT, “dimostrando quello che è l’alto livello d’innovazione e competenza dei vari progetti italiani in molti campi – non solo quelli legati strettamente alla rete, ma anche quelli della biologia molecolare, dell’utilizzo della musica in tempo reale fra siti remoti. Questo dimostra, oltre alla competenza dei ricercatori italiani, l’utilità di avere una collaborazione a livello europeo tra le reti della ricerca, che possa anche, con il contributo della Commissione Europea, finanziare attività estremamente innovative per i servizi di prossima generazione. Dimostra anche come GARR possa aiutare la comunità italiana che è il suo interlocutore naturale a partecipare e a realizzare questi esperimenti all’interno dell’ambiente europeo”.

 

Ares Gianluca Reali - progetto ARES
Università di Perugia

“Affrontare i problemi con un’infrastruttura a banda larga su scala internazionale consente di verificare veramente come vanno le cose

Gianluca Reali Guarda L'intervistaGianluca Reali

L’efficacia e le sinergie di questo formato collaborativo nel contesto di GN3plus permettono una chiara complementarietà fra le NREN e i gruppi di ricerca. La condivisione è permessa dalle caratteristiche intrinseche di GÉANT, che fornisce l’ecosistema ideale per mettere sul banco di prova soluzioni e idee avanzate ed innovative, assicurando contemporaneamente una infrastruttura di rete di produzione stabile ed affidabile. Questo fatto è stato evidenziato più volte durante il recente Symposium annuale del progetto GN3plus, a cui hanno partecipato i vincitori del bando: da una parte i nuovi partner offrono le loro soluzioni sperimentali ai team di sviluppo di GÉANT, rafforzando la portata innovativa dell’intero sistema; dall’altra GN3plus fornisce un’infrastruttura di produzione potente e sofisticata, con servizi avanzati e testbed, e non ultimo un bacino d’utenza in grado di provare, apprezzare e giudicare i nuovi servizi con un altissimo livello di competenza. Questo permette alla rete GÉANT e alle NREN di offrire il meglio delle tecnologie innovative, che vengono testate e consolidate direttamente nella rete GÉANT e quindi già pronte per un eventuale uso, in un circolo virtuoso dalla comunità alla comunità. Nei prossimi numeri sarà pubblicata una serie di articoli dedicati ai protagonisti di questi progetti; una serie che si spera continuerà con l’auspicabile rinnovo delle Open Call.

 

Gianluca Reali Guarda tutte le interviste ai coordinatori dei progetti italianiinterviste Open Call

www.geant.net/innovation

 

 

 

GARR News - Testata semestrale registrata al Tribunale di Roma: n. 243/2009 del 21 luglio 2009

Il contenuto di questo sito e' rilasciato, tranne dove altrimenti indicato,
secondo i termini della licenza Creative Commons attribuzione - Non commerciale Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

GARR News è edito da Consortium GARR, La rete Italiana dell'Università e della Ricerca


GARR News n°9 - Novembre 2013 - Tiratura: 7000 copie - Chiuso in redazione: 6 Dicembre 2013
Redazione GARR News
Hanno collaborato a questo numero: Alessandro Andretto, Claudio Barchesi, Maria Ludovica Bitonti, Mauro Campanella, Massimo Del Sarto, Fulvio Galeazzi, Mara Gualandi, Maria Laura Mantovani, Mario Santamaria, Laura Santoro, Francesca Scianitti


 

Abbiamo 285 visitatori e nessun utente online