Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Informativa sulla privacy

INFN :: PAMELA: dallo spazio 15 GB al giorno
INFN :: PAMELA: dallo spazio 15 GB al giorno

INFN :: PAMELA: dallo spazio 15 GB al giorno

| Antonella Varaschin | la voce della comunità
Articolo letto 2891 volte
#LaRicercaComunica

Il rivelatore satellitare PAMELA (Payload for Antimatter Exploration and Light-nuclei Astrophysics), il più avanzato osservatorio spaziale per lo studio dei raggi cosmici ha compiuto 10 anni. La missione, guidata dall’INFN e sostenuta dall’ASI, è frutto di una collaborazione italo-russa cui partecipano Germania e Svezia.

Grazie al collegamento radio del satellite Resurs-DK1 che ospita il rivelatore, circa 15 GByte di dati sui raggi cosmici sono trasmessi quotidianamente alla stazione dell'Agenzia spaziale russa (Roskosmos). Sono quindi inviati all'Istituto di Fisica e Ingegneria di Mosca (MEPhI) e trasferiti tramite Grid al CNAF, il centro di calcolo dell’INFN e principale centro di archiviazione e analisi dati di PAMELA. Oltre a essere registrati e condivisi per l’analisi dettagliata con le sezioni INFN e gli altri istituti e università partecipanti, al CNAF i dati sono sottoposti a una procedura automatizzata di riduzione e di ricostruzione degli eventi “in tempo reale”. PAMELA ha consentito la prima misura sui flussi di positroni e antiprotoni a energie elevate ha permesso negli anni di aprire un nuovo campo di indagine sulla materia oscura.

pamela.roma2.infn.it

GARR NEWS N° 14 - Giugno 2016


Archivio GARR NEWS