Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Informativa sulla privacy

CNR :: Le comunicazioni in Antartide
CNR :: Le comunicazioni in Antartide

CNR :: Le comunicazioni in Antartide

| Marco Ferrazzoli | la voce della comunità
Articolo letto 2703 volte
#LaRicercaComunica

L’Antartide è il luogo più remoto ed isolato della terra, una specie di "cortina di ferro" lo separa dal punto di vista climatico e spaziale dalle zone più temperate.

L’attuale ricerca scientifica italiana in Antartide – gestita dal PNRA e coordinata da CNR ed ENEA - si differenzia molto da quella pionieristica.

La disponibilità, anche in queste aree estreme, di mezzi di comunicazione con un costo accettabile e un’ampiezza di banda media, permette di operare in un laboratorio virtualmente vicino alla comunità scientifica internazionale. Le basi italiane in Antartide, Mario Zucchelli e Concordia, sono connesse a Internet tramite satellite e il trasferimento delle informazioni e dei dati scientifici avviene in tempo reale. La disponibilità di un canale di comunicazione permanente a tariffa “fissa” ha risolto anche le problematiche legate al senso di isolamento che i ricercatori avvertivano nel passato, quando il solo modo di comunicare con l’Italia era via telefono, attraverso un ponte radio o con connessioni satellitari “on demand”, di scarsa qualità e piuttosto costose. Oggi, grazie al collegamento permanente ad Internet, è possibile per i nostri ricercatori inviare e ricevere e-mail, telefonare a casa con la tecnologia VoIP al costo di una chiamata urbana, fare una video chiamata skype, mitigando così il senso di isolamento estremo.

www.cnr.it

GARR NEWS N° 15 - Dicembre 2016


Archivio GARR NEWS