Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

Informativa sulla privacy

UNITO Media

Scritto da Maddalena Vario Il . Inserito in la voce della comunità . Visite: 3696

UNITO Media

Colloquio con l'Ing. Angelo Saccà

Immediate, dirette, più libere delle “antenate” tv via etere: le web tv universitarie informano, offrono orientamento pre e post laurea, permettono di conoscere da una prospettiva diversa profili e progetti di ricercatori e docenti, mixano linguaggi e generi diversi appartenenti alla tv e al web e introducono un nuovo modo di fare tv.

A.Saccà
Angelo Saccà
Università degli Studi di Torino
Direttore della Divisione Servizi Web Integrati di Atene
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Università di TorinoL’Università degli Studi di Torino è una tra le più antiche università italiane Fondata nel 1404, offre oltre 190 corsi di laurea. Presso l’Università di Torino sono inoltre attivi 4 Centri di Eccellenza nella Ricerca, finanziati e riconosciuti dal Ministero della Ricerca. È connessa alla rete GARR ad una capacità pari a 1 Gbps.

Un caso molto interessante è quello dell’Università di Torino la cui esperienza di media sul web inizia con la tv Extracampus e si arricchisce con la piattaforma di canali multimediali Unito Media e con la webradio 110. “Unito Media, 110 e Extracampus sono tre realtà distinte nate in momenti differenti e con obiettivi e percorsi a sé stanti” - ci spiega Angelo Saccà, direttore della Divisione Servizi Web Integrati di Ateneo a cui afferiscono Unito Media e 110 - “Extracampus TV scaturisce da un progetto del 2003 realizzato da alcuni docenti della Facoltà di Scienze della Formazione grazie al finanziamento della nostra Regione volto a creare un’unica TV per tutti gli atenei piemontesi”.

Grazie ai finanziamenti regionali viene via via acquistata strumentazione che è andata ad arricchire anche i laboratori del nostro ateneo che per finalità di didattica e ricerca si occupano di questa tematica (DAMS, laboratori multimediali etc); attraverso contratti di vario genere ci si avvale poi di società esperte del settore televisivo, e vengono coinvolti studenti tramite borse di studio e simili. Extracampus in molti casi cura la produzione di contenuti su commesse relative ad eventi per la Regione e altri enti e, negli anni, si è avvalsa sul piano tecnico (per la realizzazione del sito web, la trasmissione in streaming e altro) del supporto di enti o consorzi regionali. Terminata questa prima fase, pur continuando a produrre contenuti per eventi regionali e di altra natura, Extracampus torna gradualmente ad avere come baricentro l’Università di Torino anziché l’intera rete accademica regionale. Nel 2007, in occasione delle Universiadi Invernali, sotto la Divisione Amministrativa Vicaria – Sezione Comunicazione (ufficio stampa), nasce il progetto 110 webradio. A partire da febbraio 2009, 110 diventa parte integrante della Divisione Servizi Web Integrati di Ateneo. Sin dall’inizio la webradio di ateneo si è avvalsa di tirocinanti per l’elaborazione di format, per la redazione di news e approfondimenti nonché per lo speakeraggio in occasione di interviste e programmi radiofonici. In 110 lavorano 3 dipendenti dell’Ateneo (redazione) e un tecnico audio espressamente dedicato.

Quando nasce invece Unito Media? E perché?

Un problema comune ad entrambe le realtà era, fino allo scorso anno, un’eccessiva frammentazione tecnica e contenutistica; così, nel secondo semestre del 2009, l’Università di Torino ha deciso di far convergere le diverse esigenze (attraverso un processo di integrazione tecnologica e contenutistica) nel progetto Unito Media. Unito Media è la piattaforma istituzionale dei canali multimediali dell’Università di Torino, tesa a valorizzare la produzione di contenuti secondo una parola chiave: integrazione. La piattaforma si compone di due macro sezioni: una contenente i canali e l’altra dedicata ai contenuti on demand.

Come sono organizzate le due sezioni?

Nella prima vengono ospitati sette canali che sono:
1. Unito Event: trasmette in diretta tutti gli eventi istituzionali organizzati direttamente, che coinvolgano o che facciano riferimento all’Università degli Studi di Torino;
2. Extracampus TV: raccoglie tutti i format sperimentali prodotti dall’omonima realtà universitaria; è qui che lo spettatore viene introdotto all’interno del mondo universitario per conoscere, da una prospettiva diversa, profili e progetti di ricercatori e docenti, oltre che il talento di alcuni studenti che si formano all’interno dei media universitari e puntano a diventare professionisti.
3. 110 webradio: offre la possibilità di ascoltare e, quando previsto, guardare tutta la programmazione della webradio dell’Università di Torino con musica e programmi 24 ore su 24;
4. Unito Test: spazio sperimentale dedicato alle prove tecniche;
5. Unito News (canale non ancora attivo): mette a disposizione i contenuti a carattere informativo espressamente o collateralmente riferiti all’ambito accademico e studentesco;
6. Unito Premium: rivolto a una fascia d’utenti (soggetti, aziende e enti pubblici o privati) sia interni che esterni all’Ateneo ai quali fornire servizi opzionali (in fase di sperimentazione l’accesso al canale tramite micro-pagamenti);
7. Intranet Channel: riservato alla trasmissione di contenuti per il personale docente e tecnico-amministrativo dell’Ateneo, previa autenticazione attraverso credenziali (utente e password).

Nella seconda sezione, quella on demand, sono disponibili i video prodotti da diverse strutture (ivi comprese Extracampus e 110): video degli eventi precedentemente trasmessi in streaming, video guide e spot di servizi. La ricerca viene agevolata dal menù che permette di selezionare più voci suddivise per tipo, categoria, format, canali e target.

Quali sono gli obiettivi di Unito Media?

Perché le web tv hanno i numeri giusti:
  1. nessun limite geografico;
  2. nessuna concessione governativa;
  3. interattività con lo spettatore;
  4. palinsesti personalizzati;
  5. eliminazione dei tempi morti;
  6. riproducibilità senza confini del contributo audiovisivo desiderato

Unito Media nasce come strumento per rafforzare la community universitaria promuovere la conoscenza di servizi o gli eventi dell’Ateneo, permettere la diffusione e la circolazione di idee e novità all’interno della rete universitaria attraverso la democrazia di una tecnologia a costo zero (tipicamente uno studente necessita ed è dotato di pc e connessione), utile ancor di più a chi non vive fisicamente nel capoluogo o nella nostra regione anche per approfondire e comprendere alcuni processi necessari ad immatricolarsi o trasferirsi presso Unito. Unito Media non si pone, però, come strumento esclusivamente esogeno, ma è altresì proteso verso esigenze degli stessi dipendenti (come l’esplicazione di processi amministrativi attraverso le video guide). In sostanza Unito Media fornisce agli utenti interni all’Ateneo (studenti, personale docente e tecnico amministrativo), e a quelli esterni, (enti e imprese) un luogo virtuale dove poter partecipare e attingere contenuti relativamente a eventi quali conferenze, convegni, lectio magistralis, occasioni istituzionali che coinvolgano direttamente o indirettamente l’Ateneo piemontese; inoltre, valorizza i contenuti preesistenti e raccoglie tutto ciò che è direttamente o collateralmente legato alle mission dell’Ateneo di didattica e ricerca.

Quali infrastrutture usate e quanto vi costa?

Essendo Unito Media una sintesi integrata di Extracampus TV, di 110 webradio e della redazione stessa della piattaforma (lato contenuti), e avvalendosi parzialmente dell’infrastruttura in comune alle nostre piattaforme di e-learning, la stessa ad esempio usata per le video lezioni (lato tecnologico), il rapporto contenuti/costi è relativamente basso. Una buona rete è uno dei requisiti tecnici fondamentali per il funzionamento della piattaforma: i contenuti vengono infatti veicolati in streaming. Il costo del servizio varia: quanto maggiore è il livello di integrazione, tanto minori saranno le spese richieste.

Per maggiori informazioni:
www.unito.it/media
www.110.unito.it
www.extracampus.unito.it

 

GARR News - Testata semestrale registrata al Tribunale di Roma: n. 243/2009 del 21 luglio 2009

Il contenuto di questo sito e' rilasciato, tranne dove altrimenti indicato,
secondo i termini della licenza Creative Commons attribuzione - Non commerciale Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

GARR News è edito da Consortium GARR, La rete Italiana dell'Università e della Ricerca


GARR News n°3 - Dicembe 2010 - Tiratura: 5.500 copie - Chiuso in redazione: 21 Dicembre 2010
Redazione GARR News
Hanno collaborato a questo numero: Claudia Battista, Massimo Carboni, Enrico Commis, Stefano Mari, Bruno Nati, Giorgio Paulucci, Lorenzo Puccio, Federico Ruggieri, Helga Spitaler, Anna Vairo, Giancarlo Viola


 

Abbiamo 120 visitatori e nessun utente online