Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

Informativa sulla privacy

Banda ultralarga a scuola

Scritto da Redazione Il . Inserito in GARR-X Progress . Visite: 3559

Banda ultralarga a scuola

100 Mbps per le scuole connesse a GARR

Nelle quattro regioni coinvolte nel progetto, le scuole che hanno accettato la proposta del GARR e che già navigano a 100 Mbps sono 28. Per circa 30 istituti è stata già ordinata la fibra ottica e l'attivazione è prevista a breve. Inoltre, sono in corso gli studi di fattibilità per una decina di scuole che hanno richiesto il collegamento successivamente.

L'adesione delle scuole a questa grande opportunità del progetto GARR-X Progress è stata inferiore alle aspettative, tanto da suscitare due interrogazioni parlamentari alla Camera e al Senato alle quali hanno risposto rispettivamente i sottosegretari MIUR Gabriele Toccafondi e Angela D'Onghia. Ci auguriamo che alle loro parole segua un'effettiva azione del MIUR per favorire la dotazione di una connettività adeguata e lo sviluppo di una cultura digitale, fondamentali, al di là degli annunci, per un vero rilancio della scuola.

Quello della scuola resta l'unico rammarico per un progetto che ha visto già realizzati, in anticipo, tutti i suoi obiettivi. Era previsto il collegamento di 260 scuole, che per motivi diversi (scarsità di fondi per la sostenibilità dei costi operativi e di manutenzione, ma soprattutto mancanza di consapevolezza della valenza della infrastruttura proposta) non hanno voluto o potuto cogliere questa opportunità. Nei termini stabiliti dal finanziamento si stima di poter collegare circa settanta scuole, a meno che il MIUR non intenda mettere in campo azioni straordinarie di supporto a questa iniziativa del GARR e conceda di proseguire ulteriormente nelle azioni di promozione e informazione che negli ultimi mesi hanno portate decine di scuole ad auto-candidarsi e a mostrare interesse e motivazione ad usufruire dell’opportunità. Con l’estensione di qualche mese dei termini di esecuzione del progetto si potrebbero infatti sfruttare in pieno le risorse economiche previste per le scuole nel progetto originario.

LA VOCE DEI PROTAGONISTI

SEMINARIO "BANDA ULTRALARGA PER LA SCUOLA"
Napoli, 9 ottobre 2014

Francesco Luccisano
Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Capo Segreteria Tecnica

Il seminario organizzato da GARR è stata un'utile occasione per approfondire un tema chiave per il Governo: il digitale, inteso sia come competenze che come piattaforme abilitanti per portare la connettività a scuola. Come Governo proponiamo di mettere a sistema tutte le risorse possibili per fare la prima cosa che serve alla scuola, ovvero portare la connettività. Possiamo infatti parlare di innovazione, di LIM, di nuove metodologie come la flipped classroom, ma senza connessione a banda ultralarga non si riesce a fare nulla. Il MIUR, per i prossimi tre anni, si impegna con un finanziamento di 15 milioni l'anno per il WiFi. Inoltre intendiamo lavorare in sinergia con GARR che può fare il gradino precedente, ovvero portare la banda ultralarga fino alla scuola.

Fabrizio Cobis
Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Direzione generale per il coordinamento e lo sviluppo della ricerca

GARR-X Progress è un progetto molto ambizioso in cui la dimensione finanziaria è marginale rispetto all'importanza dell'intervento. È uno di quei progetti in cui è immediatamente percepibile l'impatto che può avere sul territorio. Negli ultimi anni, d'altra parte, l'orientamento è stato quello di destinare fondi a progetti di ricerca nelle Regioni della Convergenza che potessero avere una forte ricaduta sociale, ovvero potessero contribuire a migliorare la qualità della vita delle persone. La ricerca ha senso solo così e si fa buona ricerca se ci sono buone politiche per la scuola. I due aspetti sono strettamente collegati e dovrebbero essere trattati con una maggiore sinergia anche rispetto a quanto fatto finora dal MIUR stesso.

Marco Bani
Agenzia per l'Italia Digitale, Capo Segreteria Tecnica

L'AGID vuole dare il suo contributo alle politiche del Governo in merito alla connettività delle scuole. Condividiamo l'idea che avere la possibilità di una connessione stabile e veloce può permettere nuove potenzialità educative, nuove competenze e la possibilità di sfruttare al meglio le tecnologie a sostegno della didattica per rendere la scuola migliore. Stiamo lavorando per un Piano nazionale sulla banda ultralarga e intendiamo assolutamente partire dalla scuola come centro di domanda per il digitale.

Marco D'Ambrosio
Università degli Sudi di Cassino e del Lazio Meridionale

Il progetto EduNet è nato dall’idea di collegare gli istituti scolastici a GARR tramite la rete in fibra ottica UnicasNet, di proprietà dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale. L’obiettivo è rendere disponibile la tecnologia comunemente utilizzata dai centri di ricerca, mediamente più avanzata di almeno 10 anni, già a partire dalle scuole. Figura centrale del progetto è il Dirigente Scolastico, che diventa il vero regista di questo processo di trasformazione. Il compito dell’Università è quello di guida, per orientarlo verso le scelte giuste, aiutarlo ad accelerare l’innovazione della didattica e a favorire la sperimentazione. Il modello che proponiamo è quello delle costruzioni Lego: ogni istituto realizza la propria micro-rete che viene interconnessa a UnicasNet a livello territoriale e a GARR a livello nazionale e internazionale.

Annalisa Minghetti
Lepida SpA, Rete delle Pubbliche Amministrazioni dell’Emilia- Romagna

La disponibilità di banda ultralarga per le scuole è ritenuto dalla Regione Emilia-Romagna un fattore strategico per una formazione moderna e per questo la collaborazione con GARR è attiva fin dal 2009. LepidaSpA offre alle scuole non solo la connettività ma anche servizi di autenticazione e soluzioni per una navigazione protetta. L'aspetto imprescindibile per LepidaSpA è la sinergia con Province e Comuni, responsabili della connettività degli edifici scolastici di competenza, creando una collaborazione forte tra una strategia globale di valorizzazione degli asset territoriali comuni ed una visione locale e puntuale sulle esigenze di ogni singola scuola.

Tutte le presentazioni e i materiali dei workshop sono disponibili online nei siti degli eventi raggiungibili dal sito principale di progetto: www.garrxprogress.it

 

 

GARR News - Testata semestrale registrata al Tribunale di Roma: n. 243/2009 del 21 luglio 2009

Il contenuto di questo sito e' rilasciato, tranne dove altrimenti indicato,
secondo i termini della licenza Creative Commons attribuzione - Non commerciale Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

GARR News è edito da Consortium GARR, La rete Italiana dell'Università e della Ricerca


GARR News n°11 - Dicembre 2014 - Tiratura: 10.000 copie - Chiuso in redazione: 19 Dicembre 2014
Redazione GARR News
Hanno collaborato a questo numero: Claudio Barchesi, Maria Ludovica Bitonti, Giorgio Bontempi, Fulvio Casale, Marco Ferrazzoli, Mara Gualandi, Alessandro Inzerilli, Giovanni L'Abate, Silvia Mattoni, Elisabetta Pasta, Roberto Reali, Lisa Reggiani, Francesca Scianitti, Luca Severini, Luciana Trufelli, Antonella Varaschin, il team italiano di BELLEII.


 

Abbiamo 61 visitatori e nessun utente online