Ceccano: il liceo 2.0 è connesso alla rete della ricerca anche all'estero

| Redazione | pillole di rete
Articolo letto 5110 volte

Chi ha detto che la rete della Ricerca e dell'Istruzione serve solo a scuola o nel laboratorio? Grazie alla diffusione sempre maggiore dei dispositivi mobili, oggi l'utilizzo nomadico rappresenta una realtà sempre più pervasiva in tutti i livelli della comunità.

Lo hanno recentemente sperimentato gli studenti del Liceo di Ceccano in visita d'istruzione in Camargue, Entrando all’Espace van Gogh di Arles per visitare quello che una volta era l’Hotel Dieu, ospedale della città in cui Van Gogh passò alcuni anni della sua vita e dipinse numerose opere, gli studenti hanno visto i loro smartphone collegarsi automaticamente in wireless alla rete eduroam. Un portento? Niente affatto: il Liceo è infatti la prima scuola italiana a entrare in eduroam, di cui pure l’Università di Arles, che gestisce l'Espace Van Gogh, fa parte. In questo modo, i dispositivi degli studenti di Ceccano erano già pronti ad andare online utilizzando le credenziali utilizzate normalmente a scuola, permettendo di acquisire immagini e informazioni supplementari nel corso della visita: come dire che il Liceo 2.0 funziona anche all’estero.

Ti è piaciuto questo articolo? Faccelo sapere!
Dai un voto da 1 (poco) a 5 (tanto), ne terremo conto per scrivere i prossimi articoli.

Voto attuale:
Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

Archivio GARR NEWS