Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

Informativa sulla privacy

Protezione e privacy per smartphone Android

Scritto da Roberto Cecchini Il . Inserito in risponde cecchini . Visite: 4041

Protezione e privacy per smartphone Android

Chi usa uno smartphone sa bene quanto sia facile che arrivi a custodire una grande quantità di propri dati, personali e anche sensibili. Ecco qualche consiglio per ridurre i rischi della loro divulgazione.

Cancellazione dei dati

Avast ha fatto un esperimento comprando 20 telefoni usati su Ebay, su cui ha utilizzato normali programmi di recupero dati: ha trovato 40.000 foto, di cui diverse intime e molte centinaia di indirizzi email e messaggi [v.gd/xopufu].
Un metodo più sicuro per cancellare i dati personali è di cifrarli prima del reset (Impostazioni -> Sicurezza -> Esegui crittografia del telefono).

Backup esterni

Fate attenzione che il backup sui server Google (comodo se cambiate telefono) trasferisce, ad esempio, anche le password di tutti i sistemi wifi che avete utilizzato [v.gd/GMxOxL]. Forse a Google non interessano, ma chi altri ha accesso ai loro dati? Anche molti altri servizi di cloud storage non garantiscono molto da questo punto di vista, primo tra tutti Dropbox [v.gd/LaL8Hy].

Come capire se un’app è potenzialmente pericolosa

Si sono verificati parecchi casi di applicazioni apparentemente innocenti, ma che però fornivano a terze parti molte informazioni sull’utente [v.gd/eaeKeh]. Evitate, se possibile, di installare applicazioni da store diversi da quelli “ufficiali” e all’installazione controllate i privilegi richiesti, anche se, visto come funziona il meccanismo in Android, spesso le app devono richiederne molti di più di quelli che effettivamente usano. Ci sono molti programmi per aiutarvi a proteggervi [v.gd/imNc4] - [v.gd/depqMF], anche se i più efficaci richiedono che il telefono sia rooted. Google non aiuta certo in questo compito, vedi ad esempio la storia dell'App Ops Launcher [v.gd/Wq6zEd].

Protezione dai furti

Ci sono molti prodotti che, almeno in teoria, permettono di rintracciare e resettare un dispositivo da remoto: ad esempio Cerberus, Avast! Anti-Theft e Android Lost, oltre alla Gestione dispositivi Android di Google. Alcuni possono essere anche attivati via sms, senza bisogno di connessione dati.

Blocco schermo

Un blocco schermo è fastidioso da utilizzare, ma è sicuramente essenziale. Il più sicuro è una buona password, ma un ragionevole compromesso potrebbe essere una sequenza di sblocco non troppo banale (accoppiata ad una periodica pulizia dello schermo...).

 

GARR News - Testata semestrale registrata al Tribunale di Roma: n. 243/2009 del 21 luglio 2009

Il contenuto di questo sito e' rilasciato, tranne dove altrimenti indicato,
secondo i termini della licenza Creative Commons attribuzione - Non commerciale Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

GARR News è edito da Consortium GARR, La rete Italiana dell'Università e della Ricerca


GARR News n°11 - Dicembre 2014 - Tiratura: 10.000 copie - Chiuso in redazione: 19 Dicembre 2014
Redazione GARR News
Hanno collaborato a questo numero: Claudio Barchesi, Maria Ludovica Bitonti, Giorgio Bontempi, Fulvio Casale, Marco Ferrazzoli, Mara Gualandi, Alessandro Inzerilli, Giovanni L'Abate, Silvia Mattoni, Elisabetta Pasta, Roberto Reali, Lisa Reggiani, Francesca Scianitti, Luca Severini, Luciana Trufelli, Antonella Varaschin, il team italiano di BELLEII.


 

Abbiamo 115 visitatori e nessun utente online