Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

Informativa sulla privacy

il filo || 06/2015

Scritto da Federico Ruggieri Il . Inserito in Editoriale . Visite: 2785

Federico Ruggieri

Cari lettori,
benvenuti su GARR NEWS. Vorrei iniziare dedicando le prime righe ai più giovani, che mi stanno a cuore perché sono il nostro presente e il nostro futuro. Alcuni li abbiamo incontrati proprio qualche settimana fa, all’Isola d’Elba, in occasione della tavola rotonda: “WWW passato, presente, futuro della rivoluzione informatica”. Erano gli studenti del Liceo Foresi di Portoferraio, con loro ci siamo confrontati a viso aperto sui grandi cambiamenti tecnologici che stanno interessando il nostro presente e ci siamo interrogati, insieme a chi la rete l’ha vista nascere, su quale sarà la forma del nostro futuro. Dalla discussione è emerso in maniera chiara che ci sono dei rischi legati a questa travolgente rivoluzione tecnologica e che usare programmi e app senza avere un’adeguata alfabetizzazione informatica può rendere i nostri ragazzi solo spettatori di questi cambiamenti, invece che alimentare la loro capacità di creare.

“Program or be Programmed” dunque, per citare il motto di Douglas Rushoff che il mio collega Renzo Davoli ha ripreso nella rubrica “Ieri oggi domani” parlando dell’attività di “evangelizzazione” che sta portando avanti nelle università italiane, per spronare i giovani a sedere alla guida dei loro apparati tecnologici.
Noi questo ce l’abbiamo ben chiaro e l’azione di collegamento alla rete delle scuole italiane, insieme all’importante attività di formazione intrapresa con il progetto GARR-X Progress, sono la testimonianza del nostro costante impegno in questa direzione.

Nelle prossime pagine vi racconteremo come in alcune scuole, complice la nostra rete, stia avvenendo un vero e proprio cambio di didattica, con gli studenti che vivono finalmente le loro classi come luoghi di apprendimento, che si appassionano ai progetti contribuendo in maniera attiva alla costruzione del sapere. Direi che stiamo assistendo a qualcosa di rivoluzionario e credo davvero di non sbagliarmi.
Oggi oltre 300 scuole sono collegate alle rete GARR, in particolare molte di queste grazie al finanziamento del MIUR per il progetto GARR-X Progress di cui in questo numero ripercorriamo le gesta. Il progetto è in dirittura di arrivo, centinaia di istituzioni sono state connesse alla nuova rete di ultima generazione e in questi giorni si stanno completando i collaudi delle ultime tratte di accesso in fibra ottica.

Continuando a parlare di cose che cambiano e che entrano prima in punta di piedi nelle nostre vite e poi in maniera sempre più dirompente, il mio pensiero va al cloud, al modo in cui sta riorganizzando i nostri asset tecnologici e ai problemi di privacy e di sicurezza che inevitabilmente porta con sé. In questo numero sentirete spesso nominarlo in diversi argomenti trattati: dalla gestione della posta elettronica degli atenei e delle scuole, da cui emerge la criticità di rimanere proprietari dei dati e garanti delle politiche applicate per la gestione della sicurezza delle comunicazioni, agli aspetti più strettamente legali e giuridici. E voi come state vivendo il problema dei dati all’interno dei vostri enti? Fateci avere il vostro feedback, perché la discussione è appena iniziata. E di sicurezza dei dati e di prospettive future si è discusso nello scorso Convegno IDEM di Lecce, attraverso le esperienze e i risultati finora raggiunti dalla Federazione. Non mancheranno gli aggiornamenti sulle reti metropolitane, ritorneremo infatti a parlare di Lepida, vi racconteremo di un bellissimo progetto dell’Istituto Telethon legato alle mutazioni genetiche, affronteremo tematiche più strettamente tecniche come il DNS, IPV6, le evoluzioni della rete GARR-X e le sue applicazioni più innovative e vi racconteremo di tanto altro ancora.

Come sempre si tratterà di un numero legato a temi che fanno discutere e portano con sé mille interrogativi nel tentativo, forse un po’ illusorio, di prevedere il nostro futuro ma sicuramente un po’ meno illusorio, di poterlo creare.
Buona lettura!

 

GARR News - Testata semestrale registrata al Tribunale di Roma: n. 243/2009 del 21 luglio 2009

Il contenuto di questo sito e' rilasciato, tranne dove altrimenti indicato,
secondo i termini della licenza Creative Commons attribuzione - Non commerciale Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

GARR News è edito da Consortium GARR, La rete Italiana dell'Università e della Ricerca


GARR News n°12 - Giugno 2015 - Tiratura: 10.000 copie - Chiuso in redazione: 30 Giugno 2015
Redazione GARR News
Hanno collaborato a questo numero: Claudio Barchesi, Maria Ludovica Bitonti, Giovanni Cesaroni, Marco Ferrazzoli, Mara Gualandi, Alesandro Inzerilli, Silvia Mattoni, Alessandra Migliozzi, Roberto Nassisi, Elisabetta Pasta, Angela Re, Massimo Romano, Francesca Scianitti, Massimo Valiante, Gloria Vuagnin


 

Abbiamo 300 visitatori e nessun utente online