Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Informativa sulla privacy

"Cari amici vicini e lontani..."

| Redazione | pillole di rete
Articolo letto 4421 volte

Una famosa storica frase televisiva di tanti anni fa' è forse il riassunto migliore del Network Performance Production Workshop 2015 tenuto al Royal College of Music di Londra dal 4 al 6 maggio scorsi: più di 60 partecipanti in locale, 20 artisti impegnati nei test e dimostrazioni e molti altri "amici" a seguire in diretta streaming l'evento hanno reso questa edizione sicuramente la più seguita della lunga storia del workshop, riunendo insieme esperti di reti, di tecnologia audio e video, artisti, esperti di didattica artistica, musicale, di danza e recitazione.

Nel breve spazio di 3 giorni sono state discusse e mostrate dal vivo quasi tutte le tecnologie a disposizione del settore, a partire dal velocissimo LOLA del Conservatorio Tartini e del GARR, al 4K video Gateway di CESNET, a Ultragrid. La connettività a 10 Gbps è stata messa a dura prova in fatto di banda, latenza, jitter ed errori (nulli) dalle tecnologie in campo, ma ha dimostrato di poter cambiare il modo di vivere anche nel campo delle arti performative, sia per la didattica che per le attività di produzione: la prima mondiale di "The infinite Bridge" (un’opera distribuita in tempo reale, dal Britten Theater, con danzatori a Barcellona, e musicisti a Helsinki e Copenaghen, insieme sullo stesso palco grazie alla tecnologia) ha ricevuto un'ovazione finale, anche se nella buca dell'orchestra, al posto del cornista vero, c'era il monitor di LOLA a guardare il direttore, ed anche il pubblico in sala ha capito cosa possono fare reti avanzate come quella GARR ed equivalenti.

GARR NEWS N° 12 - Giugno 2015


Archivio GARR NEWS