Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

Informativa sulla privacy

Net neutrality: la battaglia per la neutralità della rete è cominciata

Net neutrality: la battaglia per la neutralità della rete è cominciata

Scritto da Redazione Il . Inserito in pillole di rete . Visite: 166

Le norme sulla net neutrality negli Stati Uniti sono state ufficialmente abrogate lunedì 11 giugno 2018.

Di fatto non si potrà più impedire ai fornitori di rete di garantire maggiore velocità a chi paga di più, favorendo la fruizione di un servizio piuttosto che un altro. Il principio di Internet secondo cui qualunque computer può mandare pacchetti di dati a qualunque altro computer potrebbe non essere più valido, anche se per ora solo negli Stati Uniti. La rete potrebbe “guardare all’interno dei pacchetti” e decidere a chi dare la priorità, in base a decisioni di carattere economico o politico. Si tratta di un provvedimento che ha causato grande preoccupazione tra i piccoli e grandi utenti della rete non solo statunitensi, per le possibili ripercussioni globali: con la messa in discussione del principio di neutralità della rete sono a rischio alcune cose che almeno in occidente tendiamo a dare per scontate, dalla libertà di espressione alla libera concorrenza. Per questa ragione si è sviluppato un movimento molto agguerrito che proprio in questi giorni sta chiedendo al congresso di utilizzare lo strumento del Congressional Review Act (CRA) per rovesciare la decisione della Federal Communication Commission. La campagna, che ha adottato il nome suggestivo di Battle for the Net imperversa (tag #NetNeutrality e naturalmente #battleforthenet per seguirne gli sviluppi) e ha cominciato a riscuotere anche il supporto di esponenti repubblicani. Insomma, a quanto parte, la battaglia per la rete è cominciata.

GARR News - Testata semestrale registrata al Tribunale di Roma: n. 243/2009 del 21 luglio 2009

Il contenuto di questo sito è rilasciato, tranne dove altrimenti indicato,
secondo i termini della licenza Creative Commons attribuzione - Non commerciale Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

GARR News è edito da Consortium GARR, La rete Italiana dell'Università e della Ricerca


GARR News n°18 - luglio 2018 - Tiratura: 10.000 copie - Chiuso in redazione: 23 luglio 2018
Redazione GARR News
Hanno collaborato a questo numero: Giuseppe Attardi, Claudio Barchesi, Alex Barchiesi, Paolo Bolletta, Antonella Bozzi, Alberto Colla, Luigi Cordisco, Andrea Corleto, Marco Ferrazzoli, Elena Foglia Franke, Elisa Gamberoni, Americo Gervasi, Alessandro Girardi, Mara Gualandi, Silvia Malesardi, Marcello Maggiora, Pasquale Mandato, Silvia Mattoni, Laura Moretti, Eleonora Napolitano, Mario Reale, Andrea Salvati, Marisa Serafini, Davide Vaghetti, Massimo Valiante, Giancarlo Viola, Gloria Vuagnin


 

Abbiamo 91 visitatori e nessun utente online