Suonare a distanza? Con LOLA e le reti della ricerca si può

Suonare a distanza? Con LOLA e le reti della ricerca si può

| Redazione | pillole di rete
Articolo letto 6890 volte

Lo scorso 23 novembre il duo pianistico composto da Teresa Trevisan e Flavio Zaccaria, noto e riconosciuto a livello internazionale, si è esibito in una esecuzione concertistica per due pianoforti su partiture di Bach e Reger.

La particolarità sta nel fatto che i due artisti in questione si trovavano, al momento dell’esecuzione, a oltre 1.000 Km di distanza l’uno dall’altra: lui presso il Conservatorio Tartini di Trieste e lei al Centre Pompidou di Parigi. A rendere possibile questo incredibile risultato è LOLA (Low Latency), che il Conservatorio di Musica di Trieste sta realizzando in collaborazione con GARR, un sistema hardware/software che cattura, codifica e trasmette via rete in tempo reale segnali audio/video ad alta qualità, e naturalmente la banda ultra-larga offerta dalle reti della ricerca.

Ti è piaciuto questo articolo? Faccelo sapere!
Dai un voto da 1 (poco) a 5 (tanto), ne terremo conto per scrivere i prossimi articoli.

Voto attuale:
Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

GARR NEWS N° 3 - Dicembre 2010


Archivio GARR NEWS