Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Informativa sulla privacy

La ricerca spagnola va a 100 Gbps

| Redazione | pillole di rete
Articolo letto 5144 volte

Dal primo novembre i ricercatori spagnoli hanno a disposizione una nuova avanzatissima infrastruttura di rete basata sulla fibra spenta, che permetterà loro di condividere informazioni a velocità 10.000 volte maggiori delle comuni connessioni domestiche.

RedIRISNOVA, questo il nome della neonata infrastruttura di rete, arriverà a capacità di 100 Gbps. RedIRIS-NOVA ha un costo complessivo di circa 90 milioni di euro e la sua implementazione, portata a termine a dalla NREN spagnola RedIRIS, è cofinanziata per oltre il 50% dal Ministero della Scienza e dell’Innovazione. Questo ingente investimento si tradurrà, per la comunità dell’università e della ricerca iberica, non solo in prestazioni all’avanguardia, ma anche in consistenti risparmi: infatti che nel medio-lungo periodo il modello basato su fibra risulta essere molto più economico rispetto a quello basato sull’affitto di circuiti di operatori, senza contare la maggiore flessibilità e configurabilità della rete garantita dal controllo degli strati inferiori dell’infrastruttura.

GARR NEWS N° 5 - Dicembre 2011


Archivio GARR NEWS