Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

Informativa sulla privacy

Obiettivi e Destinatari di GARR-X Progress

Scritto da Redazione Il . Inserito in GARR-X Progress . Visite: 4257

Obiettivi e Destinatari di GARR-X Progress

I tempi dell’intervento

Il progetto è partito il 1 luglio 2013 e le attività saranno completate il 30 marzo 2015, data entro la quale tutta l’infrastruttura dovrà essere stata rilasciata e collaudata. Al termine del progetto, l’infrastruttura realizzata sarà mantenuta in attività e aggiornata dove necessario come parte integrante della rete nazionale della ricerca e dell’istruzione GARR-X.

I servizi di connettività, che saranno erogati a partire dall’ultima metà del 2014, permetteranno dunque agli utenti di dare vita a progetti e collaborazioni di ampio respiro. Sono già in corso le prime procedure di gara per l’acquisizione delle fibre e per il software destinato all’e-learning. A breve sarà avviata anche la gara per l’acquisto degli apparati trasmissivi.

Gli obiettivi

  • FIBRA OTTICA // Realizzare una rete telematica di nuova generazione completamente in fibra ottica, integrata con l’infrastruttura nazionale GARR-X e le reti della ricerca europee e mondiali, nelle 4 Regioni della Convergenza.
  • ELEVATA CONNETTIVITÀ // Offrire su questa infrastruttura connettività a 10, 40 e 100 Gbps e servizi ad alto valore aggiunto, quali cammini ottici dedicati end-to-end, che permettano alle realtà di ricerca presenti nelle 4 regioni di comunicare e trasmettere grandi quantità di dati ai partner di tutto il mondo, rendendo più efficienti le collaborazioni esistenti e facilitandone di nuove.
  • CALCOLO E STORAGE DISTRIBUITO // Realizzare una infrastruttura digitale integrata per il calcolo e l’archiviazione distribuita, che si appoggerà sulla nuova rete e offrirà alla comunità della ricerca e dell’istruzione sul territorio strumenti ICT all’avanguardia.
  • RIDUZIONE DIGITAL DIVIDE // Riequilibrare le differenze geografiche in termini di disponibilità di infrastrutture digitali di telecomunicazione, calcolo e archiviazione, concretizzando la possibilità, per le realtà presenti in aree soggette al digital divide, di partecipare allo Spazio Europeo della Ricerca e ai nuovi programmi comunitari.
  • FORMAZIONE // Offrire formazione avanzata a una vasta gamma di figure, dai decision maker a tecnici, giovani laureati e ricercatori, per permettere di sfruttare appieno le possibilità offerte dalla nuova infrastruttura.
  • IMPRESA INNOVATIVA // Promuovere la crescita di un ambiente favorevole allo sviluppo di imprenditorialità innovativa sul territorio attraverso l’accesso a servizi e infrastrutture digitali avanzate e la creazione di competenze.

I destinatari

L’intervento si rivolge alle realtà di ricerca e formazione pubblica e privata localizzate in Campania, Calabria, Puglia e Sicilia, sia che facciano già parte della comunità GARR, sia che intendano entrarvi. Grazie all’elevata modularità e scalabilità dell’infrastruttura, infatti, sarà possibile collegare ulteriori siti a costi concorrenziali.

  • UNIVERSITÀ // Tra i principali beneficiari dell’intervento ci sono i 20 atenei delle 4 Regioni della Convergenza, con oltre 100 facoltà e circa 500 mila iscritti. Il progetto si rivolge anche al panorama dell’Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (AFAM), che comprende Accademie di belle arti, di danza e di arte drammatica, Conservatori e Istituti superiori di studi musicali.
  • RICERCA SCIENTIFICA // Sono coinvolte nel progetto circa un centinaio di sedi, laboratori e infrastrutture di primari enti di ricerca, tra cui INFN, ENEA, CNR, INGV, ASI e INAF.
  • RICERCA BIOMEDICA // All’infrastruttura realizzata dal progetto accederà la comunità biomedica, che vede localizzati nelle 4 Regioni molti IRCCS e IZS, centri di ricerca multidisciplinare e biobanche.
  • BENI CULTURALI // L’infrastruttura servirà il mondo dei beni culturali digitali e materiali, che nel Sud conta archivi, centri di ricerca, musei e altre realtà di grandissimo interesse anche a livello internazionale.
  • SCUOLA // Il progetto è aperto alle scuole superiori, con un piano di lavoro che GARR sta condividendo con il Ministero dell’Istruzione e che riguarderà circa 300 sedi di istituti nei capoluoghi di provincia.
  • SPIN-OFF // Tra gli utenti potenziali c’è il settore delle imprese innovative, con particolare riferimento agli spin-off universitari e di ricerca, ai parchi scientifici e tecnologici e in generale a quelle realtà grandi e piccole per cui le attività di ricerca e sviluppo sono un obiettivo primario

www.garrxprogress.it/progetto/obiettivi
www.garrxprogress.it/utenti

 

GARR News - Testata semestrale registrata al Tribunale di Roma: n. 243/2009 del 21 luglio 2009

Il contenuto di questo sito e' rilasciato, tranne dove altrimenti indicato,
secondo i termini della licenza Creative Commons attribuzione - Non commerciale Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

GARR News è edito da Consortium GARR, La rete Italiana dell'Università e della Ricerca


GARR News n°9 - Novembre 2013 - Tiratura: 7000 copie - Chiuso in redazione: 6 Dicembre 2013
Redazione GARR News
Hanno collaborato a questo numero: Alessandro Andretto, Claudio Barchesi, Maria Ludovica Bitonti, Mauro Campanella, Massimo Del Sarto, Fulvio Galeazzi, Mara Gualandi, Maria Laura Mantovani, Mario Santamaria, Laura Santoro, Francesca Scianitti


 

Abbiamo 79 visitatori e nessun utente online