Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

Informativa sulla privacy

Libera cultura in libera rete

Libera cultura in libera rete

Scritto da Gabriella Paolini Il . Inserito in servizi alla comunità . Visite: 252

Sono milioni i contenuti del patrimonio culturale mondiale disponibili online

Fonti inesauribili di Open Educational Resources possono essere i luoghi sia fisici che virtuali che conservano il patrimonio culturale in Italia e nel mondo.

English abstract Free culture over a free network
In Italy and in the world, millions of cultural heritage contents are available online as Open Educational Resources (OER). These are physical and virtual places such as museums and digital collections and in this article we have listed some of me most popular sources of materials: from Europeana to Internet culturale, from Museo Galileo to the Uffizi Gallery, from the British Museum to MoMA.

In Europa l’aggregatore principale dove trovare risorse culturali in rete è frutto di finanziamenti della Commissione Europea. Europeana nella nuova veste grafica e con una nuova organizzazione dei contenuti si presenta come attore principale nella proposta di materiale di interesse educativo. Ci sono collezioni dedicate alla grande guerra, all’arte figurativa, alla moda, alle migrazioni, alla musica e alla fotografia. Ci sono ben 12 milioni di contenuti che possono essere riutilizzati in licenza open e lo strumento di ricerca permette di trovare con un dettaglio specifico immagini, video, file di testo che potranno essere inseriti in lezioni o ricerche scolastiche.

Cercando ad esempio Leonardo Da Vinci sono disponibili 1.000 risorse open ed altre circa 800 con limitazioni di riutilizzo. Si possono trovare stampe, quadri, ma anche libri accessibili in modo dinamico. Alcune risorse sono disponibili anche in 3D e possono essere visualizzate con il sistema Cardboard con l’effetto realtà virtuale. In particolare è attivo un accordo fra Europeana e Sketchfab, un sistema per la creazione di risorse 3D, VR e di realtà aumentata. Nei modelli disponibili liberamente tante ricostruzioni di oggetti, luoghi e opere di interesse culturale e artistico.

In Italia, l’aggregatore principale è stato realizzato dall’Istituto Centrale per il Catalogo Unico ICCU per il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Internet Culturale nella sua nuova versione si propone come la biblioteca ed emeroteca digitale italiana.

Fra i fondi più interessanti presenti su Internet Culturale ci sono sicuramente quelli dell’Istituto per i beni sonori e audiovisivi. Sono presenti audio originali sia musicali che di parlato. Sono infatti disponibili il Fondo storico dischi, il Fondo Compact Disc e il Fondo storico cilindri fonografici. Cercando i canti popolari italiani possiamo trovare da “Quel mazzolin di fiori” al Canzoniere del Lazio ad altre canzoni che fanno parte della storia popolare e musicale italiana, difficilmente reperibili in altre forme.

I musei sono un luogo fisico, ma adesso anche virtuale, dove creare momenti di apprendimento formale e informale. Fra gli enti storicamente presenti sulla rete GARR c’è il Museo Galileo di Firenze. Il museo nel proprio portale interattivo offre una versione online dedicata alle scuole, con video, giochi, animazioni 3D. Sempre fra gli enti collegati alla rete GARR, a Firenze troviamo la Galleria degli Uffizi, che nel proprio portale offre una collezione di contenuti utilizzabili in ambito educativo.

Lasciando i confini nazionali possiamo raccontare due esempi interessanti di risorse educative proposte da musei. Il British Museum di Londra ha realizzato un portale dedicato alla storia dove si propone di insegnare la storia utilizzando 100 oggetti conservati nei musei. L’altro esempio riguarda l’arte e viene offerto dal Museo di Arte Moderna di New York. La proposta educativa del Moma è ben strutturata, pensata per gli insegnanti e fornisce tutti gli strumenti e i materiali disponibili, interni ed esterni al museo, per trattare specifici argomenti legati all’arte moderna.

La mostra virtuale Il Colosso di Leonardo da Vinci
del Museo Galileo disponibile su Europeana

 

GARR News - Testata semestrale registrata al Tribunale di Roma: n. 243/2009 del 21 luglio 2009

Il contenuto di questo sito è rilasciato, tranne dove altrimenti indicato,
secondo i termini della licenza Creative Commons attribuzione - Non commerciale Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

GARR News è edito da Consortium GARR, La rete Italiana dell'Università e della Ricerca


GARR News n°18 - luglio 2018 - Tiratura: 10.000 copie - Chiuso in redazione: 23 luglio 2018
Redazione GARR News
Hanno collaborato a questo numero: Giuseppe Attardi, Claudio Barchesi, Alex Barchiesi, Paolo Bolletta, Antonella Bozzi, Alberto Colla, Luigi Cordisco, Andrea Corleto, Marco Ferrazzoli, Elena Foglia Franke, Elisa Gamberoni, Americo Gervasi, Alessandro Girardi, Mara Gualandi, Silvia Malesardi, Marcello Maggiora, Pasquale Mandato, Silvia Mattoni, Laura Moretti, Eleonora Napolitano, Mario Reale, Andrea Salvati, Marisa Serafini, Davide Vaghetti, Massimo Valiante, Giancarlo Viola, Gloria Vuagnin


 

Abbiamo 100 visitatori e nessun utente online