Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

Informativa sulla privacy

Minacce informatiche: una rete di sicurezza

Minacce informatiche: una rete di sicurezza

Scritto da Marta Mieli, Carlo Volpe Il . Inserito in caffè scientifico . Visite: 1545

Crescono le insidie e le sfide per la comunità della ricerca e dell’istruzione: ecco alcuni consigli per affrontarle con equilibrio.

Mai come negli ultimi mesi è salito alla ribalta il tema della sicurezza informatica. La diffusione sempre più ampia degli attacchi informatici, i casi di violazione della privacy, le storie di spionaggio: tutto concorre a far aumentare quotidianamente l’allerta nelle scelte strategiche che le organizzazioni si trovano ad affrontare.

Il problema è complesso ed esistono tanti angoli da cui osservarlo. Al di là degli aspetti più tecnici, spesso è necessario definire delle priorità chiare: preferire un impianto che metta la sicurezza al primo posto, oppure ritenere che la protezione dei dati personali sia un pilastro irrinunciabile?

Nell’opinione pubblica il peso di ognuna delle due posizioni oscilla molto rapidamente anche in base ai fatti di cronaca del momento. Se pensiamo al caso Datagate, ad esempio, sicuramente siamo più propensi ad indignarci sulla raccolta indiscriminata dei dati e all’uso che ne viene fatto e quindi ne chiediamo una maggiore protezione. Al contrario, di fronte alla minaccia di un attacco terroristico, siamo pronti a rinunciare, almeno in parte, al diritti alla privacy in nome della sicurezza pubblica.

Nell’ambito della comunità dell’istruzione e della ricerca, i problemi sono di livello differente, ma il dibattito è tuttavia sempre aperto. Alcuni casi di cronaca che hanno riguardato il settore accademico negli ultimi anni così come le norme introdotte dal nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati mostrano con evidenza che c’è bisogno di fare chiarezza su alcuni punti.

È importante, dunque, avviare un percorso condiviso, tra enti e istituzioni, e mettere in circolo le diverse competenze in modo da generare un valore aggiunto per tutta la comunità. L’approccio con cui GARR opera da anni è inclusivo e volto a massimizzare la partecipazione di tutti gli interessati, promuovendo gruppi di lavoro e favorendo la discussione in tavoli tecnici. Ne parliamo in questo numero con alcuni dei principali esperti del settore per fornire un valido aiuto a comprendere meglio come bilanciare i vari aspetti in gioco, come coordinare e condividere l’insieme delle regole tecniche e comportamentali sulla sicurezza e come adottare misure di prevenzione degli attacchi informatici più diffusi.

Loghi GARR cert e cert-pa Maggiore sicurezza se c’è cooperazione Per rendere più efficace la risposta agli incidenti informatici, migliorare la prevenzione e condividere ricerche e buone pratiche, CERT-PA e GARR-CERT hanno siglato nel 2016 un Protocollo d'Intesa. Nello stesso anno il CERT-PA è entrato a far parte dei team di sicurezza informatica riconosciuti come affidabili dalla comunità internazionale ottenendo il riconoscimento come “team accreditato” presso Trusted Introducer. CERT-PA è il quarto team italiano accreditato. Il primo è stato quello della rete nazionale dell’istruzione e della ricerca, GARR-CERT, riconosciuto sin dal 2001.

 

GARR News - Testata semestrale registrata al Tribunale di Roma: n. 243/2009 del 21 luglio 2009

Il contenuto di questo sito è rilasciato, tranne dove altrimenti indicato,
secondo i termini della licenza Creative Commons attribuzione - Non commerciale Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

GARR News è edito da Consortium GARR, La rete Italiana dell'Università e della Ricerca


GARR News n°16 - luglio 2017 - Tiratura: 10.000 copie - Chiuso in redazione: 25 luglio 2017
Redazione GARR News
Hanno collaborato a questo numero: Claudio Barchesi, Cristina Basso, Ugo Bonelli, Alberto Colla, Marco Ferrazzoli, Licia Florio, Paolo Lombardi, Marco Galliani, Barbara Magistrelli, Marco Malaspina, Maria Laura Mantovani, Silvia Mattoni, Alessandra Migliozzi, Laura Moretti, Francesca Nacini, Mario Reale, Andrea Salvati, Mario Santamaria, Davide Vaghetti, Massimo Valiante


 

Abbiamo 62 visitatori e nessun utente online