Skip to main content
Federico Orlandi - Pexels
Federico Orlandi - Pexels

Quantum, password a rischio? Non con la QKD

| Ufficio Stampa CNR | la voce della comunità

Articolo letto 402 volte
#LaRicercaComunica

QTI - Quantum Telecommunications Italy - spinoff dell’Istituto Nazionale di Ottica del Cnr - nell’ambito della Digital Assembly 2023 di Stoccolma - ha contribuito alla dimostrazione di una comunicazione sicura realizzata attraverso la Quantum Key Distribution (QKD), per inaugurare la futura rete quantistica Eu-roQCI (European Quantum Communications Infrastructure).

La tecnologia QKD è detta “quantum safe”, cioè sicura anche contro il computer quantistico o altri strumenti con capacità computazionali elevatissime, che possono mettere a repentaglio la sicurezza della crittografia classica attualmente in uso.

Le chiavi segrete generate dalla QKD sono immuni da qualsiasi attacco, presente o futuro, offrendo una sicurezza incondizionata poiché, anche nel caso in cui una chiave venisse intercettata, nessuna informazione può essere rilasciata, contrariamente a quanto accade nei comuni sistemi.

La dimostrazione ha testimoniato come l’Unione europea possa, con proprie capabilities e capacità produttive interne, ricoprire il ruolo di attore globale in materia di quantum communications. L’Italia, è coinvolta in numerose iniziative e possiede un know-how d’eccellenza.

QTI è la prima società italiana di Quantum Key Distribution che fornisce sistemi e prodotti di livello industriale per reti quantistiche. Con sede a Firenze, QTI è una giovane start-up italiana fondata nell’ottobre 2020 da ricercatori dell’Istituto Nazionale di Ottica del Cnr. L’azienda punta a diffondere l’uso delle tecnologie quantistiche nell’industria, nel governo e nella difesa per garantire la massima sicurezza delle comunicazioni digitali.

Ti è piaciuto questo articolo? Faccelo sapere!
Dai un voto da 1 a 5, ne terremo conto per scrivere i prossimi articoli.

Voto attuale:

Articoli nella rubrica


Archivio GARR NEWS