Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

Informativa sulla privacy

Osservatorio della rete


GARR-X: la rete c’è e si vede

Scritto da Giovanni Cesaroni, Carlo Volpe Il . Inserito in osservatorio della rete . Visite: 5439

GARR-X: la rete c’è e si vede

L’attivazione dei collegamenti di dorsale a banda ultralarga permette agli utenti di accedere alla nuova rete con prestazioni eccellenti

Con la presentazione ufficiale dello scorso novembre, la rete GARR-X ha raggiunto la piena operatività: 8500 km di fibra, tra backbone e accesso, a disposizione del traffico delle oltre 500 sedi collegate. Per dare la valenza di questi numeri, è utile osservare l’evoluzione della rete GARR nel corso del tempo: una rete sempre al massimo della tecnologia e in grado di soddisfare a pieno le necessità degli utenti garantendo un accesso ai dati pervasivo, veloce e sicuro indipendentemente dalla collocazione geografica dei ricercatori.

GARR torna a scuola per innovarla

Scritto da Task Force Scuole GARR Il . Inserito in osservatorio della rete . Visite: 4437

GARR torna a scuola per innovarla

Una sperimentazione con 100 istituti per collegare le scuole a GARR-X

Molte esperienze innovative nel settore della didattica e della formazione continua degli insegnanti, dimostrano che la disponibilità di accesso alle risorse digitali è in grado di portare vantaggi, non solo nell’ambiente della ricerca e della formazione universitaria, ma anche in quello dell’istruzione.

L'arrivo di GARR-X visto dall'APM

Scritto da Stefano Zani, Mauro Morsiani, Franco Tinarelli Il . Inserito in osservatorio della rete . Visite: 4170

L'arrivo di GARR-X visto dall'APM

PoP di Bologna presso INFN-CNAF

a cura di Stefano Zani

Il PoP GARR presso il CNAF è il più rilevante in termini di connessioni fisiche, di apparati trasmissivi in grado di accendere centinaia di Lambda a 10 o 100 Gbps e di numero di porte sugli apparati di routing e switching in esso ospitati. Sono passati più di 20 anni da quando nella sala macchine del CNAF erano istallati i principali apparati della rete INFNet poi evoluta in GARR.

La visione porta lontano

Scritto da Federica Tanlongo Il . Inserito in osservatorio della rete . Visite: 5708

La visione porta lontano

A Pisa una rete dell’Università nata agli albori di Internet. Avveniristica allora come oggi, grazie ad un team di persone appassionate

Continuiamo anche in questo numero il viaggio alla scoperta delle reti metropolitane e regionali esistenti in ambito Ricerca e Università. Questa volta tocca alla MAN dell’Università di Pisa, una delle prime in assoluto a essere realizzata nel nostro Paese, nata alla fine degli anni’90 grazie al lavoro del team SerRA (Servizi di Rete di Ateneo) e soprattutto al coraggio e alla visione del Prof. Giuseppe Pierazzini. La raccontano, l’APM Paolo Caturegli e i suoi collaboratori Stefano Ciuti, Simone Spinelli e Davide Vaghetti, rispettivamente responsabili dei servizi eduroam, VoIP e IDEM.

Calcoli alla velocità della luce

Scritto da Marco Paganoni, Stefano Zani, Daniele Bonacorsi Il . Inserito in osservatorio della rete . Visite: 5653

Calcoli alla velocità della luce

Grandi moli di dati distribuiti in vari paesi: la sfida di LHC alle reti

Cominciamo da questo numero un viaggio nelle applicazioni più innovative della nuova infrastruttura di rete GARR-X con una delle comunità più “affamate” di banda, quella della Fisica delle alte energie. La costruzione di LHC, con la sua straordinaria messe di dati, ha offerto sfide senza precedenti a questa comunità, che ha definito un modello di elaborazione basato su centri di calcolo organizzati gerarchicamente e distribuiti nei vari Paesi che partecipano agli esperimenti. A sua volta, la mole di dati da trasferire ai diversi centri ha posto ulteriori sfide a chi progetta le reti...