Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

Informativa sulla privacy

Caffè Scientifico


ICT e didattica in rete per l’integrazione sociale

Scritto da Maddalena Vario Il . Inserito in caffè scientifico . Visite: 4027

ICT e didattica in rete per l’integrazione sociale

Disabilità fisiche e psico-sociali, disturbi di apprendimento, disagi territoriali: nuove frontiere si aprono per una migliore qualità della vita.

Ci sono persone a cui è preclusa la possibilità di lasciare la propria abitazione temporaneamente o in modo permanente e altre che per disabilità o disturbi di vario genere hanno problemi nell’apprendimento o possono essere soggette ad isolamento. Spesso queste situazioni vengono affrontate con impreparazione, inadeguate strutture organizzative e poca chiarezza sugli strumenti da utilizzare. C’è infatti scarsa consapevolezza sull’importante ruolo che l’insegnamento e la formazione possono avere nel fornire adeguati stimoli per affrontare disabilità e disagi e si è ancora ben lontani dalla consapevolezza che un apprendimento dedicato e personalizzato associato ad un appropriato uso delle tecnologie possa fare la differenza.

WISE: la scuola a casa dei ragazzi

Scritto da Maddalena Vario Il . Inserito in caffè scientifico . Visite: 7015

WISE

Colloquio con il prof. Trentin

Oggi anche i ragazzi impossibilitati a frequentare la scuola a causa di disabilità possono seguire le loro lezioni da casa. In che modo questo avviene?

Grazie all’istituzione della cosiddetta “istruzione domiciliare”, sul piano normativo si sono definite le regole per garantire continuità allo studio degli allievi lungodegenti (o soggetti a cure ripetute nel tempo).

I docenti universitari vanno a scuola

Scritto da Guglielmo Trentin Il . Inserito in caffè scientifico . Visite: 3936

I docenti universitari vanno a scuola

Va fatta una considerazione preliminare. Spesso si dice che la pedagogia dei docenti universitari strettamente “disciplinaristi” è di tipo “spontaneo” (fanno ovviamente eccezione i docenti di Scienze dell’Istruzione/Formazione), acquisita cioè con l’esperienza di studente prima e di insegnante poi; sono rare le occasioni in cui i docenti hanno l’opportunità di entrare in contatto con le metodologie della progettazione didattica (Instructional Design).

OMERO: un castello virtuale da toccare a misura di schermo

Scritto da Giovanni Attolico Il . Inserito in caffè scientifico . Visite: 4251

OMERO: un castello virtuale da toccare a misura di schermo

Il progetto OMERO ha lo scopo di offrire ai disabili visivi la possibilità di fare esperienza della realtà virtuale, per la quale non è ovviamente possibile usare immagini su uno schermo ma è necessario avvalersi opportunamente dell’udito e del tatto che costituiscono i principali canali sensoriali di conoscenza del mondo di chi non usa la vista.